Sedie ergonomiche: guida alla scelta

Le sedie ergonomiche sono un elemento importante ma spesso trascurato per lavorare al meglio in ufficio e non solo.
Con lo sviluppo dello smart working da casa, decisamente incrementato a causa della crisi Covid-19 è diventato un accessorio ancora più indispensabile perchè sopra ci passiamo 40 ore a settimana (1800/2000 in un anno!) e in alcuni casi anche di più!
Nonostante questi numeri di utilizzo, spesso si spende molto più denaro per l’acquisto di una scrivania di quanto si spenda per la sedia.

Sono stati condotti numerosi studi di ergonomia ed è stato dimostrato che una sedia ergonomica aumenta la produttività e massimizza l’efficienza della persona seduta. Una cattiva sedia da ufficio invece può portare a tensioni alla schiena, problemi alle gambe e del tunnel carpale, che possono causare perdita di tempo sul lavoro.

Le sedie dal design ergonomico sono create appositamente per mantenere il nostro corpo in una posizione comoda con uno sforzo minimo e per mantenere una buona postura, prevenendo possibili dolori articolari.
L’enorme quantità di informazioni e recensioni contrastanti che si trovano su Internet crea più confusione che chiarezza.
Il termine “ergonomico” è diventato di marketing e a volte viene applicato a quasi tutte le sedie da ufficio, rendendo molto difficile per chiunque acquisti una sedia prendere una decisione corretta.

Facendo da molti anni un lavoro da ufficio che mi fa stare a lungo seduto ho creato questa guida, perchè anche altri potessero avvalersi delle tante ore che ho investito nelle ricerche, prove e confronti per elaborare l’elenco definitivo delle sedie ergonomiche da ufficio che dovresti acquistare in base alle esigenze specifiche che potresti avere.

Perchè scegliere una sedia ergonomica

Stare seduti curvi su una scrivania per molto tempo può portare a dolori articolari e alla schiena a lungo termine, disturbi muscoloscheletrici, come la sindrome del tunnel carpale, stiramenti muscolari e lesioni lombari.
L’ergonomia è l’atto di rendere una postazione di lavoro il più amichevole possibile per il corpo e ridurre così lo stress.
Lavorare nella giusta postura è fondamentale per la tua salute fisica a lungo termine. Stare seduti per un paio d’ore o più in una posizione sfavorevole mette a dura prova le spalle, la schiena e il collo e può portare a tunnel carpale, tendinite, mal di schiena, tensione al collo e altro.

La seduta dinamica che permette di variare la postura durante il giorno, è fondamentale per facilitare la nutrizione spinale e ridurre la fatica associata al carico muscolare statico. È importante assicurarsi di sentirsi supportati e a proprio agio durante la giornata lavorativa e di stare seduti in modo da prevenire infortuni a lungo termine.

Quali caratteristiche e componenti deve avere?

Come trovare il giusto tipo di sedia per lavorare?
Ci sono molti tipi di sedie ergonomiche disponibili ma nessun tipo è necessariamente il migliore, ma ci sono alcune cose che sono molto importanti da cercare in una buona sedia da ufficio ergonomica.
Queste cose permetteranno al singolo utente di far funzionare bene la sedia per le sue esigenze specifiche.

Quali caratteristiche dovrebbe possedere una buona sedia da ufficio ergonomica?
Considerando innanzitutto lo stile “convenzionale” della sedia da ufficio, ci sono una serie di cose che una sedia ergonomica dovrebbe avere, tra cui:

  • L’Altezza del sedile della sedia da ufficio deve essere facilmente regolabile con una leva di regolazione pneumatica postya sotto o di lato.
  • Un’altezza della seduta che varia da circa 40 a 52 centrimetri dal pavimento dovrebbe andare bene per la maggior parte delle persone, perchè consente di avere i piedi appoggiati sul pavimento, con le cosce orizzontali e le braccia anche con l’altezza della scrivania.
  • Larghezza e profondità del sedile sufficienti per supportare comodamente qualsiasi utente. Di solito 40-50 cm di larghezza è lo standard.
    La profondità dalla parte anteriore alla parte posteriore del sedile deve essere sufficiente affinché l’utente possa sedersi con la schiena contro lo schienale della sedia lasciando circa 5-10 cm tra la parte posteriore delle ginocchia e il sedile della sedia.
  • L’inclinazione in avanti o all’indietro del sedile deve essere regolabile, a volte è presente un meccanismo di inclinazione sincronizzata tra sedile e schienale che sono collegati e si inclinano contemporaneamente mentre ti inclini (in genere lo schienale si inclina indietro di due gradi per ogni grado di inclinazione del sedile).
  • Supporto lombare in una sedia ergonomica è importante, perchè la colonna lombare ha una curva verso l’interno e rimanere a lungo senza supporto può appiattire la curva naturale. Una sedia ergonomica dovrebbe avere una regolazione lombare (sia in altezza che in profondità) in modo che ogni utente possa ottenere la misura adeguata per supportare la curva interna della parte bassa della schiena.
  • Lo schienale dovrebbe essere largo da 30 a 48 cm e se è separato dal sedile,e essere regolabile in altezza e inclinazione.
    Dovrebbe essere in grado di supportare la curva naturale della colonna vertebrale, sempre con particolare attenzione al corretto supporto della regione lombare. Se la sedia da ufficio ha il sedile e lo schienale uniti in un unico pezzo, lo schienale deve essere regolabile negli angoli anteriore e posteriore, con un meccanismo di bloccaggio per impedire che si sposti troppo indietro una volta che l’utente ha determinato l’angolazione appropriata.
  • Il materiale sul sedile e dello schienale dovrebbe avere un’imbottitura sufficiente per essere comodo starci soprai per lunghi periodi di tempo. Avere un tessuto di stoffa che respira è preferibile a una superficie più dura.
  • I braccioli devono essere regolabili e consentire alle braccia dell’utente di riposare comodamente e alle spalle di essere rilassate; l’avambraccio non dovrebbe essere sul bracciolo durante la digitazione sulla tastiera del PC.
  • Girevole. Dovrebbe ruotare facilmente in modo che l’utente possa raggiungere diverse aree della propria scrivania senza sforzo, con la classica forma a 5 bracci con le ruote sotto.

Come usare la sedia: la postura corretta

Vediamo alcune regole generali per l’utilizzo delle sedie ergonomiche che ti aiuteranno a usarla in modo efficace inserendola correttamente nell’ambiente di lavoro della scrivania.

  • Regola l’altezza della sedia in modo che i piedi siano appoggiati sul pavimento e le ginocchia siano in linea (o leggermente più in basso) con i fianchi.
  • Siediti dritto e tieni i fianchi indietro sulla sedia a contatto con lo schienale.
  • Lo schienale della sedia dovrebbe essere reclinato in modo da formare un angolo tra 100 a 110 gradi, quindi non dritto a 90.
  • Assicurati che la tastiera sia vicina e direttamente di fronte a te.
  • Per aiutare il collo a rimanere rilassato e in posizione neutra, il monitor dovrebbe essere direttamente davanti a te, a pochi centimetri sopra il livello degli occhi.
  • Siediti ad almeno 45/50 cm dallo schermo del computer.

Esercizi da fare durante la giornata lavorativa

Gli studi raccomandano di spostarsi per brevi periodi ogni 30 minuti quando si è seduti per intervalli prolungati per aumentare il flusso sanguigno e ri-energizzare il corpo. Oltre a fare brevi pause al lavoro, ecco alcuni esercizi da provare dopo il lavoro per migliorare la postura:
Qualcosa di semplice come una camminata di 60 minuti può aiutare a contrastare gli effetti negativi dello stare a lungo seduti e impegnare i muscoli necessari per una buona postura.
Le posizioni yoga di base possono fare miracoli per il corpo: incoraggiano un corretto allineamento allungando e rafforzando i muscoli come quelli di schiena, collo e fianchi che si irrigidiscono quando si è seduti.
Posiziona un rullo di schiuma sotto la schiena (ovunque senti tensione o rigidità), rotolando da un lato all’altro. Questo essenzialmente funge da massaggio per la schiena e ti aiuterà a sederti più dritto sulla scrivania con meno disagio.

I modelli disponibili sul mercato nel 2020

Sedie da ufficio tipo Ikea e supermercato

Girando per grandi magazzini, Ikea e negozi di mobili per ufficio ho visto e mi sono seduto su un gran numero di sedie “ergonomiche”, che spesso di ergo hanno solo il nome e poco altro, con in prezzo che varia da 40/50 euro fino a oltre 150.

Se il vostro budget è molto ridotto evitate comunque le sedie semplici senza braccioli e quelle direzionali, che attireranno la vostra attenzione ma non sono adatte al lavoro da scrivania.

Cerca invece sedie che si possono regolare sia a livello di seduta che di schienale, ogni sedia ha per questo apposite levette, per ottenere un angolo di 90 gradi tra gambe e schiena.

Classica sedia direzionale non adatta al lavoro da ufficio prolungato

Sedie ergonomiche con schienale a rete

Negli ultimi anni hanno preso piede le sedie con schienale a rete molto leggero e traspirante, sicuramente utili d’estate che in diversi casi hanno anche l’appoggio lombare.

Si tratta del modello che ho scelto io perchè la mia schiena aveva in parte perso la naturale curva lombare e il rinforzo mi sta aiutando.

Possono essere una buona scelta se hanno le caratteristiche di cui ho parlato sopra e possono quindi essere regolate in altezza e profondità della seduta.

Lo schienale molto alto serve solo a persone alte più di 1,80 e deve essere leggermento reclinato all’indietro e non dritto.

Sedia ergonomica con poggia ginocchia

Questo tipo di sedia da ufficio non ha lo schienale e pone l’utente in una posizione di inginocchiamento. Il design incoraggia una buona postura facendo scorrere i fianchi in avanti e allineando la schiena, le spalle e il collo.
Il supporto primario proviene dal sedile della sedia, con supporto aggiuntivo proveniente dagli stinchi.
Questo tipo di sedia ergonomica distribuisce il peso tra il bacino e le ginocchia, riducendo in tal modo la compressione spinale e quindi riduce lo stress e la tensione nella parte bassa della schiena e dei muscoli delle gambe.
Ha un sedile inclinato in avanti che porta a una posizione più naturale per la colonna vertebrale. Il risultato è una sedia da ufficio che rende la seduta nella posizione corretta confortevole e senza sforzo.

Variable Varier

In questa categoria il modello più famoso è la Variable varier una sedia “attiva” disponibile in diversi colori:

La Varier Company ha iniziato a produrre sedie 40 anni fa, per un certo periodo si sono chiamate anche Stokke ma si tratta degli stessi produttori di qualità.
Hans Christian Mengshoel è stato il primo designer a elaborare il concetto di seduta attiva, ha condiviso la sua visione con altri 3 designer (tra cui Peter Opsvik) e così venen fuori la sedia “Balans”, che richiama bene la mission del prodotto: sentirsi equilibrati da seduti.
Il loro quartier generale si trova a Oslo, in Norvegia, e nel corso degli anni hanno realizzato 20 progetti diversi, e vendono in oltre 40 paesi in tutto il mondo.

ERGONOMIA DELLA SEDIA
Il modo in cui funziona questa sedia è spostando leggermente il bacino in avanti posizionando la colonna vertebrale in una posizione naturale verso l’alto.
Questo dovrebbe alleviare qualsiasi pressione sulla zona lombare, incluso il coccige.
Un altro vantaggio di questa sedia è mantenerti attivo mentre lavori, in modo da coinvolgere i muscoli addominali e rinforzare la schiena.
La maggior parte delle persone apprezza il movimento a dondolo della sedia, li mantiene concentrati e consente loro di allungare la schiena in entrambe le direzioni.

Gamma di movimento
I Variable Balans non oscillano con lo stesso movimento di una sedia a dondolo. Tranquillo! non sarai in grado di andare avanti e ribaltarti poiché la base a slitta di legno non lo consentirà.
Hai due modalità: una di digitazione/lavoro in cui ti pieghi leggermente in avanti e una modalità rilassata, in cui sei seduto in posizione eretta con le spalle e le braccia appoggiate in grembo.

La mancanza di ruote limiterà sicuramente il tuo raggio di movimento.
Se desideri cambiare la tua posizione in qualsiasi modo dovrai alzarti e spostare la sedia. Questo potrebbe sembrare poco pratico per le persone abituate alle sedie con ruote.
D’altra parte questa è la sedia più leggera della concorrenza ed è facile da sollevare e spostare poiché pesa solo 11 kg.

Comfort
Una cosa che distingue questa sedia dalle altre è il livello di comfort che offre.
Il sedile non è imbottito come in altre sedie, ma è altrettanto comoda e non si appiattisce. La sedia è inclinata all’angolo giusto e bilancia perfettamente il peso tra glutei e gambe.
L’imbottitura di seduta e ginocchia è realizzata in schiuma poliuretanica e tessuto in poliestere riciclato. La dimensione dei posti a sedere è 16 “W x 12” D. Molte persone considerano i posti a sedere comodi, ma sentono di aver bisogno di uno schienale dopo 3-4 ore.

Quindi il nostro consiglio è, se te lo puoi permettere, spendere soldi extra e goderti davvero uno stile di vita da seduto attivo.

Attenzione ai falsi/tarocchi, questa sedia non è economica! costa intorno ai 300 euro e se trovi modelli che sembrano simili a prezzi molto inferiori vuol dire anche che hanno una qualità molto diversa!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply